UN DIARIO PER CONFRONTARE IDEE E PROGETTI

10 Mag
10 maggio 2007

La politica, per essere utile, deve essere innanzi tutto trasparente e capace di ascolto. L’ho sempre pensato e questo primo anno di esperienza in Senato ha confermato, sotto tutti i profili, questa mia convinzione.
In questi dodici mesi ho cercato così di far sì che i cittadini di Modena fossero al corrente delle proposte, delle decisioni che hanno caratterizzato la mia attività di senatore. L’ho fatto attraverso il sito internet, così come con la newsletter e i comunicati stampa, ma soprattutto, pur nella limitatezza del tempo a disposizione, con contatti e incontri sul territorio.
Oggi, attraverso la trasformazione del sito in un blog aperto agli interventi di tutti, sento l’esigenza di fare un ulteriore passo. Con questo diario on line voglio mettere a disposizione di tutti una possibilità in più per confrontare opinioni e scambiare idee. Una comunicazione non unilaterale, ma aperta al confronto, capace di accogliere più voci, incoraggiare domande, fornire risposte.
Un’opportunità importante, sempre, ma ancor più in questa fase di costituzione del Partito Democratico, nella quale ognuno di noi è chiamato a mettersi in discussione per costruire una nuova casa comune.

Share on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page
2 commenti
  1. alberto bergamini says:

    Apprezzo molto le argomentazioni e lo sforzo di utilizzare tutti gli strumenti di comunicazione disponibili per informare ed interagire con i cittadini.
    Un’unica provocazione: al momento la costruzione del Partito Democratico tende più che ad una nuova casa comune ad una nuova canonica comune.
    L’esperienza dei Democratici dell’Asinello confluiti nella Margherita ha già insegnato tanto.
    Cordiali saluti
    Alberto

    Rispondi
  2. giochi52 says:

    visto caro senatore che parli di sicurezza aggiungo qualche comemnto sula situazioen modenese : e’ di questi ultimi tempi il dibattito a modena sul riallocare il campo nomadi di via bacelliera in altre micro aree.
    bene cioe male a pretesto viene citato il fatto che un mega campo non e’ gestibile bla bla bla…non si possono individuare responsabilità bla bla (certo non per colpa dei cittadini che demandano ad altri la gestione e l’ordine pubblico e nel caso del campo nomadi molti molti nsotri soldi son stati spesi la!)
    e’ di 15 gg fa che la giunta cofferati ha richiesto danni per 1400€ a tutte le famiglie di un campo nomadi…non trovando un solo responsabile l’ha chiesto a tutte le famiglie del campo.
    Ho scritto giunta cofferati non giunta guazzaloca!
    15 gg c’e’ stata una marcia da collegarola al campo di via bacelliera…il giorno dopo una bella intervista ad una famiglia “di spicco” del campo nomadi…(gazzetta di modena) che si poneva come portavoce del campo… bene se son interlocutori nel bene potevano esserlo nel male..o no?
    ma questo e’ uno dei tanti episodi…che stanno accadendo nella tua città..e che dire della vertenza dei vigili urbani raccolta di firme pro leonelli, scioperi ect…e che dire sempre in termine di immagine del buco di svariati miliardi dell’atcm…ancora in termine di immagine una altra bella cosa…
    alcuni anni fa e’ stata inaugurata la complanare…dal sindaco barbolini e dall’assesore regionale…beh…c’ero anch’io e tutti eravamo contenti per un opera attesa anni .
    l’hai detto anche tu.
    bene oggi la complanare e’ a 50 km orari forse per le troppe buche che si son formate nell’asfalto.
    Quindi anziche riasfaltare come la logica normale vorrebbe e’ piu logico metter un limite di velocita? e si sa impossibile da rispettare (c’e anche un 30km/h!!!)
    questo e’ dunque l’approccio verso i cittadini utenti.
    cordialmente

    Rispondi

Lascia un commento

Vuoi unirti alla discussione?
Contribuisci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright - Giuliano Barbolini