UNA FORZA RIFORMISTA PER USCIRE DALLA CRISI

25 Feb
25 febbraio 2009

La decisione dell’assemblea nazionale di nominare Dario Franceschini, affida al nuovo segretario un mandato pieno e ampio. Credo che si debba essere soddisfatti, perché con quella scelta è prevalsa la linea della responsabilità, probabilmente l’unica possibile con le elezioni europee alle porte e con una scadenza congressuale già fissata in autunno.
Il compito che aspetta Franceschini è certamente difficile e complicato, ma per quanto mi riguarda e come ho sempre fatto, ci sono da parte mia il massimo appoggio, sostegno e lealtà.
Oggi più che mai abbiamo bisogno di unità e determinazione. Davanti abbiamo appuntamenti importanti, ma credo che ci siano le condizioni per avere risultati più lunsinghieri di quanto non si potesse prevedere fino a qualche tempo fa.
Siamo di fronte ad una crisi economica e sociale diffusa, che metterà in discussione valori, priorità, stili di vita dei paesi industrializzati. Una crisi che ha evidenziato come il liberismo sfrenato e il capitalismo privo di regole e di responsabilità siano incapaci di redistribuire ricchezza e opportunità.
I valori e la storia di una forza autenticamente riformista, progressista, democratica se spesi bene sono certamente i più adatti per affrontare i problemi posti dall’attualità e quelli più efficaci per prefigurare una via d’uscita credibile, solida e duratura.
Credibilità che invece non ha, per storia, atti e pensieri il ministro Tremonti, oggi fustigatore dei mercati senza etica e valori, ma fino a ieri promotore di finanza creativa e cartolarizzazioni rovinose.
Le prime mosse di Franceschini trasmettono chiarezza d’intenti e qualità dell’uomo. Sono perciò molto apprezzabili. Ed è con questo spirito che andrò curioso, questa sera, all’assemblea dei gruppi parlamentari convocata a Montecitorio dal neo segretario. C’è bisogno anche nelle istituzioni, nei gruppi dell’opposizione di Camera e Senato, di concordare e condividere le posizioni comuni sulle importanti scadenze che ci attendono.

Share on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page
0 commenti

Lascia un commento

Vuoi unirti alla discussione?
Contribuisci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright - Giuliano Barbolini