Qualche riflessione a margine della vicenda Scajola

06 Mag
6 maggio 2010

Premesso che in merito sono emersi profili sconcertanti, e che ad ogni modo, e al netto di ogni altra questione, un Ministro della Repubblica che disattende l’obbligazione fiscale è imperdonabile, la vicenda che ha portato alle dimissioni del Ministro Scajola probabilmente ci porta dritti allo ‘scudo fiscale’, o meglio alle diverse versioni delle sanatorie dei capitali esportati illegalmente all’estero, da quella del 2001 fino a quella del 2009/2010. Così come emergono con evidenza i rapporti frequenti intercorsi fra la "cricca" degli appalti legati ai Grandi eventi ed alla Protezione civile con il Ministro. Sarebbe interessante sapere se i 900.000 euro consegnati dall’uomo di fiducia del Sig. Anemone al Ministro Scajola per concludere la compravendita dell’appartamento romano con vista sul Colosseo provenivano da fondi "scudati" con le prime versioni del condono. Inoltre, sarebbe interessante sapere se il conto aperto a dicembre 2002 presso la Unicredit Luxembourg Sa intestato a Angelo Balducci risulti effettivamente chiuso nel gennaio 2010 per via dello "scudo fiscale", come riferito da alcuni organi di informazione, e se il conto intestato a Claudio Rinaldi presso la stessa Banca risulti a sua volta chiuso per lo stesso motivo. Così come è interessante conoscere se l’utilizzo dello "scudo fiscale", sanando anche i reati, sia tale da impedire la prosecuzione delle indagini da parte della magistratura nei confronti di tutti coloro che hanno dato vita al cosiddetto sistema degli appalti legati ai grandi eventi ed alla protezione civile. E’ questo il senso delle domande da me formulate in un’interrogazione al Senato rivolta al Presidente del Consiglio ed al Ministro dell’Economia e Finanze. Con un’ amara chiosa: “ Ma Tremonti non aveva detto che lo scudo fiscale serviva per combattere i paradisi fiscali e colpire evasione e sommerso ? ”.

 

 

Share on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page
0 commenti

Lascia un commento

Vuoi unirti alla discussione?
Contribuisci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright - Giuliano Barbolini