Gas Rivara, Pd “Insoddisfatti della risposta del Governo”

23 Mar
23 marzo 2012

Il Governo ha risposto alle interrogazioni dei parlamentari sia alla Camera che in Senato

 I parlamentari del Pd Barbolini, Bastico, Ghizzoni e Miglioli, dopo aver ascoltato la risposta del Governo alle loro interrogazioni, si dichiarano “insoddisfatti e delusi”: il parere negativo, a più riprese, espresso dai cittadini e dalle istituzioni dei territori interessati e dalla Regione Emilia-Romagna non sono stati tenuti in considerazione, nonostante il parere positivo della Regione sia necessario per legge.

“Insoddisfatti della risposta del Governo e delusi del fatto che il Ministero dell’ambiente abbia ritenuto di andare avanti con la fase del procedimento di compatibilità ambientale del progetto nonostante il parere negativo, a più riprese ribadito, degli enti territoriali interessati e della Regione Emilia-Romagna, la cui intesa, tra l’altro, è indispensabile per legge per la concreta realizzazione del progetto”: è quanto hanno sostenuto, in momenti diversi, i parlamentari modenesi del Pd Giuliano Barbolini, Mariangela Bastico, Manuela Ghizzoni e Ivano Miglioli, commentando la risposta del Governo alle loro interrogazioni. Com’è noto, in momenti diversi, i parlamentari modenesi del Pd, sollecitati dai cittadini e dagli enti locali dell’Area Nord, hanno presentato interrogazioni, nei due rami del Parlamento, sul progetto di stoccaggio sotterraneo di gas che la società IGM vorrebbe realizzare a Rivara. Il sottosegretario Tullio Fanelli ha risposto alle domande presentate dai deputati Ghizzoni e Miglioli nel corso del Question Time della Camera tenutosi la sera di mercoledì 21 marzo. Analoga risposta hanno ottenuto i senatori Barbolini e Bastico, in aula, nel tardo pomeriggio di giovedì 22 marzo. Unica differenza che in Senato la risposta ha cumulato sia le interrogazioni contro il progetto che quelle pro presentate dal senatore modenese del Pdl Giovanardi. Dal Governo, quindi, non solo non è arrivato l’atteso impegno politico sulla inopportunità della scelta di realizzare il deposito di gas di Rivara, ma non viene neppure presa in considerazione la disponibilità della Regione Emilia-Romagna alla realizzazione di impianti di stoccaggio di gas naturale in siti diversi da quello di Rivara e, a differenza di questo, sicuri dal punto di vista sia geologico che ambientale. In Senato, tra l’altro, Carlo Giovanardi del Pdl ha applaudito alla posizione del Governo tacciando i parlamentari del Pd da una parte di oscurantismo (contro la scienza e la ricerca) e dall’altra di dire dei “no” pregiudiziali. “E’ proprio il contrario – rispondono Barbolini e Bastico – proprio perché siamo attenti alla ricerca e alla scienza che abbiamo presente come ben due Commissioni di Via hanno avuto dubbi sull’affidabilità del progetto. Sono gli “apprendisti stregoni” che maneggiano con faciloneria cose complesse e delicate. Il no di un intero territorio è basato su evidenze tecnico-scientifiche che definiscono quel sito non sicuro. La Regione Emilia-Romagna non è la patria dei “no” a tutti i costi: la riprova è che sono stati offerti ben cinque diverse alternative, tutte non pericolose, semplicemente non sono state prese in considerazione”

In questo momento, quindi, il “no” della Regione sembra essere il solo ostacolo che impedisce la realizzazione dell’impianto. I parlamentari modenesi del Pd, pertanto, si impegnano a vigilare sui prossimi passi della procedura e non abbandoneranno il pressing sul governo affinché si pronunci contro il deposito.

Share on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page
0 commenti

Lascia un commento

Vuoi unirti alla discussione?
Contribuisci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright - Giuliano Barbolini