E’ tempo di bilanci, almeno personali

15 Mar
15 marzo 2013

Con il 14 marzo, si è conclusa la mia esperienza parlamentare, e, più complessivamente, giunge per me a compimento un lungo percorso di lavoro professionale e politico svolto nelle istituzioni, a diversi livelli, iniziato proprio 40 anni fa, quando, il 20 marzo del 1973, lasciai l’incarico di ruolo come bibliotecario alla Biblioteca Estense ed Universitaria per entrare, avendone vinto il concorso, al Comune di Modena come ispettore ai servizi culturali. Allora mi muoveva il desiderio di svolgere una funzione più concretamente orientata al servizio della comunità, nel segno dell’innovazione e della valorizzazione dei beni comuni: mai avrei immaginato di incontrare opportunità e responsabilità quali quelle che ho avuto la fortuna di rivestire, e che sono grato mi sia stato consentito di svolgere. Penso di avervi corrisposto al meglio delle mie capacità intellettuali e lavorative, con il massimo dell’impegno, una dedizione assidua, e scrupolosa onestà e lealtà: spero che questo resti un tratto riconoscibile, e riconosciuto, del mio modo di vivere la passione e l’azione politica. Ora, verosimilmente, si apre per me una nuova fase: le giornate saranno meno scandite dall’urgenza degli impegni e dei problemi, e la proiezione pubblica assai minore. Sono curioso anch’io di verificare come sarà l’adattamento a questa nuova condizione: vorrei evitare che la lontananza dai circuiti istituzionali possa condizionare l’esercizio della responsabilità politica e del civismo, per il contributo di competenze ed esperienza che mi sarà possibile ancora dare. E’ una sfida, con non poche incognite, perché quando si dice “continuerò a far politica in altre forme” bisogna poi vedere concretamente se le condizioni di contesto, oltre che le intenzioni soggettive, sono in grado di consentirlo.  

Share on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page
0 commenti

Lascia un commento

Vuoi unirti alla discussione?
Contribuisci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright - Giuliano Barbolini