Un pensiero d’amore, dolce e struggente, a Raffaella

14 Lug
14 luglio 2015

“Papà ma perchè muoiono sempre le persone migliori?”
“Se tu vai in un giardino, quali fiori strappi, quelli belli o quelli brutti?”
Massimo Troisi  

 

Domenica prossima, 19 luglio, saranno sette mesi da quando Raffaella ci ha lasciato, a causa di una malattia maligna e crudele, che tre anni prima aveva cambiato la sua e le nostre vite, e contro cui ha lottato con tutta  la forza e coraggio del suo temperamento, senza perdere, fin quasi alla fine, la serenità del suo sorriso e la luminosa voglia di vivere nei suoi occhi.

giuliano e raffaella4

E’ riuscita, con solo ormai le risorse della sua volontà, a resistere per poter veder nascere il nipotino, Andrea, che ha potuto tenere in braccio almeno una volta, in momenti insieme dolcissimi e strazianti.

Ha lasciato un vuoto enorme, non solo per me e Nicola, suo figlio, ma anche in tante persone amiche e colleghe che l’hanno conosciuta, nella quotidianità delle relazioni, e sul lavoro, e ne hanno compreso, insieme con l’energia e l’intelligenza del fare, la spontaneità e  ricchezza di sentimento e umanità.

Di natura schiva e riservata, Raffaella si apprezzava pienamente se si aveva modo di coglierne la maniera di agire, le motivazioni che la spingevano, i valori e interessi che l’appagavano. Una persona di spirito franco, fantasiosa e pratica, curiosa e creativa, generosa d’animo, tollerante di carattere, e davvero dolcissima.

Non mi dilungo, né a parlare di lei, che continua a vivere nei miei pensieri e azioni quotidiane, in cui spesso ricorrono esperienze e situazioni che abbiamo comunque condiviso, né tanto meno a evocare il senso di spaesamento e la dimensione di solitudine di questi mesi, e immagino di quelli a venire: sono  affetti, sentimenti e sofferenze della sfera privata che ciascuno che ne sia toccato vive, e deve provare a conviverci.

Ma non potevo riprendere un dialogo, fatto di sincerità e schiettezza, con tanti amici o persone conosciute nel corso degli anni, senza dire di lei, e ricordarne la perdita e il lutto patito, posto che sono tante le persone che incontro e si rammaricano di aver saputo con ritardo della scomparsa di Raffaella, o piuttosto ancora lo ignorano, e ne prendono così conoscenza direttamente attraverso la nostra conversazione: e presumo che lo stesso potrà capitare anche per diversi dei destinatari che riceveranno questa newsletter.

Lo devo anche a Raffaella, cui, approfittandomi della sua amabile pazienza, chiedevo abitualmente di testare stile e contenuti di questi miei periodici scritti, dato che lei, portata alla stringatezza, mi aiutava ad essere meno ampolloso nella forma, e più diretto e chiaro sul merito e le argomentazioni. Metto quindi le mani avanti: se trovate che c’è una qualche eccessiva pesantezza o ridondanza nei testi, eccone la ragione.

Share on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page
6 commenti
  1. Antonio says:

    Un abbraccio.

    Rispondi
    • Miria Bisi says:

      Veramente dispiaciuto, non lo sapevo, ho un ricordo, alla festa dell’Unità di un suo splendido sorriso di saluto.

      Miria Bisi

      Rispondi
  2. ester says:

    Grazie Giuliano, un abbraccio!!!!

    Rispondi
  3. Angelo says:

    Ho saputo solo adesso della tua dolorosa perdita……mi dispiace tantissimo.

    Rispondi
  4. Vainer says:

    Giuliano, grazie per averci ricordato Raffaella con parole semplici e tutte vere. Io e Morena l’ abbiamo conosciuta non quanto avremmo voluto conoscendola. Ma è’ proprio vero: era dolcissima, generosa e premurosa. Premurosa e prodiga di attenzioni nei confronti di una donna che a lei e a nessun’ altra aveva confidato un ” segreto” doloroso da tenersi dentro. Tu sai di cosa si tratta e se penso che in quell’occasione e in altre dopo, Raffaella ha sempre avuto con Morena un rapporto di amicizia e di confidenza, direi commovente ma sincero, come solo grandi amiche possono manifestare, con ciò’ che lei già’ viveva, ebbene se penso a tutto questo penso al grande cuore di Raffaella è alla sua umanità di donna amorevole.

    Rispondi
  5. Sergio Gimelli says:

    Caro Giuliano, per quanto riguarda la riforma del sistema istituzionale e di governo della Regione non ho sufficiente competenza per valutare i tuoi argomenti che, comunque, mi paiono solidissimi. Posso invece dirti con certezza che il tuo ricordo di Raffaella mi ha toccato profondamente. A presto

    Sergio

    Rispondi

Lascia un commento

Vuoi unirti alla discussione?
Contribuisci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright - Giuliano Barbolini